Sere d’agosto

 

LA STELLA CADENTE

 

Quanno me godo da la loggia mia

quelle sere d’agosto tanto belle

ch’er celo troppo carico de stelle

se pija er lusso de buttalle via,

ad ognuna che casca penso spesso 

a le speranze che se porta appresso.

(Trilussa)

 

7 pensieri riguardo “Sere d’agosto

  1. Ciao. Dato che siamo in tema di stelle e di mare . . .

    DUE COPPIE AL MARE

    Una donna matura si annoia

    sulla sdraio, mentre il marito attento

    dalla battigia pesca e . . . “Ah, tempo boia!”

    sospira nel veder più in là intento

    un giovane a rincorrere il figlio

    sull’arenile . . . ed ancor più in là

    la sua compagna, bianca come giglio

    — è giugno, ed il sole ancor non ha

    i raggi caldi — giocare con bimbetta

    in bel bikini, e con quel "lui" farsi

    i sorrisi di intesa di chi aspetta

    di ritrovarsi soli per donarsi.

    “Donarsi” invece dell’altra espressione

    che inebria fin dalla Creazione,

    senza la quale vivere è illusione,

    è camminare senza direzione.

    L’uomo che pesca quei due non cura,

    ha preso una triglietta ed è felice,

    non ha bisogno d’altro egli giura

    . . . la moglie si annoia e non lo dice.

    L’Amore non è Araba Fenice, ( 1 )

    in quanto dove stia bene si sa:

    sta in quei Tolomeo e Berenice, ( 2 )

    coi loro impegni e pur serenità,

    con il miraggio di tranquillità,

    che prima o poi, purtroppo, arriverà),

    e no in chi pesca od al sole sta,

    lontano da problematicità.

    La vita è nell’amplesso . . . e solo qua!

    E chi in amplesso sta stella ascendente

    sempre sarà e mai stella cadente !

    (Sergio Sestolla)

    ( 1 ) E’ ben noto il detto di Metastasio ("Demetrio", atto II, scena III):

    « L’araba Fenice, che vi sia ciascun lo dice, dove sia nessun lo sa. »

    ( 2 ) Berenice era una regina egiziana, sposa del Faraone Tolomeo III Evergete, della dinastia dei Lagidi (284 ca. – 221 a.C.)..

    Nel 246 a.C., poco dopo le nozze, Tolomeo dovette partire per una campagna bellica, molto pericolosa, contro Seleuco II di Siria. Berenice, molto timorosa delle sorti del marito, fece voto, se fosse tornato sano e salvo, di sacrificare agli dei gli splendidi capelli.

    Tolomeo ritornò vittorioso e Berenice mantenne il voto: la sua chioma fu recisa e fatta appendere nel tempio di Afrodite. Ma i capelli scomparvero misteriosamente la notte seguente, nella più totale costernazione della corte.

    Tutti i sapienti, convocati per cercare di svelare il mistero della sparizione, furono incapaci di indicare la minima traccia. L’astronomo di corte, Conone, ebbe l’idea giusta, anche per placare l’ira del re: prendendo un gruppo di stelle appena dietro la costellazione del Leone, costituì una nuova costellazione, spiegando ai presenti che i riccioli della regina erano lassù, in cielo, portati dagli dei che, non avendo mai visto nulla di più bello, li volevano sempre vicini a loro (http://www.astrogavi.it/

    "Mi piace"

  2. Ciao Sergio e ben tornato dalle vacanze che, a quanto ho letto, sono state lunghe ma spero riposanti!

    Che sorpresa averti quì a raccontare di storia e di leggende. Starei ore ad ascoltarti! Con te non si finisce mai d’imparare…

    Mi è piaciuto il paragone tra le due coppie al mare: una matura, l’altra giovane e piena di ardore

    "i sorrisi d’intesa di chi aspetta
    di ritrovarsi soli per donarsi…"

    anche se lo trovo un po’ triste…con una Lei che si annoia ed un Lui che pensa solo a pescare!!

    Finita la passione dei primi anni, l’amore comunque va coltivato, ravvivato e il "donarsi" diventa più maturo e più concreto.

    Grazie Sergio di queste rime sempre delicate e sagge. Bentornato e a rileggerti al più presto!

    "Mi piace"

  3. Sempre belle le poesie che posti di Trilussa cara Mary! Sembra di essere lì con lui a gurdare il cielo stellato, con la speranza di vder cadere una stella e finalmente esprimere un desiderio!

    Fra i tanti che tengo nel cuore, che non svelerò per il timore che non si avverino, posso esprimere quello sul caldo torrido di questa estate. Spero infinitamente che alle soglie di Settembre sparisca l’afa e si abbassino le temperature…che dici , si avvererà ?! Io spero tanto di sì…anche perchè incomberà l’autunno!!! ( meravigliosa stagione! )

    Immagino ti sarai goduta tanto mare quest’anno con le tue nipotine. Le più grandi saranno quasi signorinette e deve essere una grande emozione vederle crescere quasi sotto gli occhi!

    Col cambio di stagione spero ritroveremo il tempo per riprendere il filo dei discorsi blogghiferi…. Sarà bello affrontare la lunga stagione invernale in Tua compagnia e degli amici Cassandro e Sergio Sestolla. 🙂

    Permettimi di fare i complimenti all’amico Sergio per la bella poesia, dove con estrema semplicità e grazia, fa capire quale sia il segreto per una unione felice e duratura in una coppia!

    E complimenti per l’affascinante storia del Faraone Tolomeo e la sua sposa regina Berenice.

    Nei giorni di vacanza ho letto due libri sull’argomento faraoni ed Egitto. Mi hanno veramente molto appassionato. Sarà un caso, ma dopo averli letti, non passa giorno che non mi venga davanti qualche notizia Sul Nilo o l’antico Egitto. Ed ora eccomi qua a leggere la bella storia di questi due giovani innamorati egiziani!

    Mi piacerebbe che qualcuno mi indicasse dove guardare nel cielo per scoprire la costellazione Berenice, narrata anche dal poeta greco Callimaco, nato intorno al 300 a.c a Cirene, in un poemetto di cui sono giunti a noi solo pochi frammenti.
    Il poemetto piacque molto ai romani e ai poeti latini (devoti alla cultura greca) tanto che Catullo lo tradusse e lo inseri’ tra le sue opere come carme LXVI. Successivamente ebbe una traduzione in volgare italiano da Ugo Foscolo:

    […] chi scruto’ nell’immenso firmamento e apprese delle stelle ,delle albi ,dei tramonti
    e come il fiammeggiante lume del sole si scuri
    e in tempi fissi le costellazioni vengano meno
    quel conone nel chiarore celeste vide me
    una ciocca recisa dalla chioma di Berenice […] ”

    Naturalmente devo ringraziare Wikipedia per qeste chicche.

    E anche Tu Sergio per avermi fatto entrare nel misterioso mondo delle costellazioni.

    Un caro saluto e un bacio a tutti ( nipotine comprese ) e pure Cassandro!!!!!

    "Mi piace"

  4. Chissà, cara amica, se il desiderio della pioggia, mai così agognata come questa estate, si avvera nei giorni a venire! Nemmeno l’amico Sergio che prevedeva temporali per spegnere un po’ questo caldo torrido, ha visto esaudire il desiderio…

    Anch’io non ricordo un’estate così. Ma il clima sta cambiando e ci dovremo adeguare, purtroppo…

    Ormai il mare con le nipotine sta diventando un ricordo. Per le "tedeschine" soprattutto, dato che il 14 agosto hanno già iniziato la scuola! Ti confesso che è stata un po’ dura, comunque mai come cinque anni fa quando erano veramente piccole !!

    Le grandi (10 anni) hanno collaborato e controllato le sorelle (7anni) e questo è stato già tanto!!

    Con il fresco riprenderemo i nostri discorsi "blogghiferi", c’è tanta "carne da mettere al fuoco", come diceva qualcuno…anche se farà bene parlarne, spesso di questi tempi, mi sento tanto, tanto impotente…

    Un caro abbraccio Vitty e continua la lettura sulla civiltà egizia…è appassionante!

    "Mi piace"

  5. Eh sì, Mary, sarebbe proprio ora di ritornare ai ritmi dei tempi andati e riprendere i vecchi discorsi, con gli amici di sempre, o di nuovo arrivo, anche se gli accadimenti che si susseguono di continuo tendono a farci precipitare in un mondo sempre più complesso, per non dire pericoloso e in generale, almeno per me, sempre più incomprensibile.

    Forse è per questo che noto un certo sviluppo di interesse di alcune persone benpensanti verso l’astronomia, che in parte, su sollecitazione degli stessi, sta coinvolgendo pure me, che di stelle e satelliti mi sono interessato un poco, col doppio fine di ‘sembrare’ bene informato nelle conversazioni da salotto, o meglio ancora da spiaggia, ma pure di potere usare qualche fenomeno cosmico come parallelismo in composizioni per lo più di genere amoroso (e mica solo Catullo doveva cantare di ‘Soles occidere et redire possunt’).

    Non so tu, Mary, a che punto stai in argomento (forse qualcosa l’avrai pure spiegato alle tue nipotine, ormai signorinette), ma noto che tale materia sta pure un poco a cuore all’amica Vitty, che più su mi ha pure ringraziato per averla “fatta entrare nel misterioso mondo delle costellazioni” (ehi, ehi, attenta: non mi sopravvalutare, perchè anch’io sono tributario a internet per qualche notiziola).

    L’unica cosa che penso è che sia Vitty, che forse pure tu, Mary, a discutere su stelle ed astri, sareste di certo più attente di coloro cui qualche cosa ho tentato di spiegare, con parole che poi sono finite al vento però.

    S U P E R N O V E ( 1 )

    . . . E volevi vedere il Grande Carro!
    . . . l’Orsa maggiore! . . . e poi l’Orsa Minore! . . .

    . . . Venere e qualche astro più bizzarro! . . .
    Ed io che li cercavo nel chiarore

    minimo di quel cielo d’Agosto
    per indicarli a te . . . Sempre più accosto

    ti facevi al mio fianco ed il mio dito,
    seguivi e il mio “là là” . . . Poi ho capìto

    che era tutta quanta messinscena!
    Ed il capirlo . . . ah, che piacere,
    . . . l’averti quasi addosso, piena piena
    e morbida! . . . Ripeto, era un godere

    mentre, bugiarda, mi dicevi “Dove? . . .
    Dov’è che stanno? . . . E le “Supernove”

    riesci a trovarle? . . . Ed io “No!
    In cambio ho trovato te, però,

    che a San Lorenzo stella ascendente
    sarai di sicuro, e no cadente,

    oppur pianeta illuminato . . . e già . . .
    che a noi rinvia la luce appena l’ha”.

    Sincera, tu rispondi: “Mi accontento!
    Le “Supernove” . . . ad altro momento

    qualora amore accenni a cedimento.
    Il che non avverrà mai, lo sento!”

    A riva il mare sciabordava lento.

    (Sergio Sestolla)

    ( 1 ) Una supernova è un’esplosione stellare più energetica di quella di una nova. Le supernove sono molto luminose e causano una emissione di radiazione che può per brevi periodi superare quella di una intera galassia
    . . . termine nova si riferisce a ciò che appare essere una nuova stella brillante nella volta celeste. Il prefisso “super-” distingue le supernove dalle nove ordinarie che sono molto meno luminose
    (https://it.wikipedia.org/wiki/Supernova)

    "Mi piace"

  6. No, no, caro Sergio, con me e l’amica Vitty, le tue non saranno "parole al vento"!!
    Nel misteroso mondo delle costellazioni piu di una volta, nel corso degli anni mi ci sono addentrata…è affascinante, così come le scoperte rivoluzionarie sull’astronomia che pure hanno attirato la mia attenzione.

    Ricordo ancora l’atterraggio sulla luna (sembra passato un secolo…), noi ragazzi davanti al televisore, affascinati dall’evento, in attesa di altre meravigliose scoperte! Stelle, pianeti, buchi neri, nove, supernove, l’universo intero è ancora tutto da scoprire… e proprio grazie a riviste sull’argomento ed internet leggo che la scienza sta andando avanti.

    Quanti millenni sono passati da quando le antiche popolazioni, osservando il firmamento, cercavano di scoprire e di conoscere gli astri. E molto e’ stato scritto. Nella mitologia, per esempio, secondo Esiodo, il pianeta Urano (nel segno astrologico dell’Acquario pianeta dominante) era una divinità primordiale, figlio e compagno di Gea, madre terra, dalla quale ebbe diversi figli: i Ciclopi, gli Ecatonchiri ed i Titani, predecessori degli dei dell’Olimpo.
    Il mito racconta che Urano giaceva sul grembo di Gea impedendo di dare alla luce i suoi figli. Per questo ella chiese a Crono, l’ultimo dei Titani, di prendere il posto del padre alla guida del mondo.

    Urano, colto nel sonno, fu evirato e dal suo sangue, caduto sulla terra, nacquero le Erinni. Dagli organi genitali, gettati in mare, ebbe invece origine la dea dell’amore, Afrodite (Venere).

    E quì arriviamo al tema principale della tua poesia… l’Amore!!

    " ed il capirlo…ah che piacere!
    …l’averti quasi addosso, piena, piena
    e morbida! Ripeto, era un godere…"

    Ciao caro Sergio, è sempre un piacere averti quì!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...