Er dondolo in giardino

ER DONDOLO IN GIARDINO

Un bel giorno, era d’estate,
vostro nonno c’ebbe ‘n’idea
e ve mise lì sedute……
chi scappava e chi piagneva.

– Co’ ‘sta foto v’ ariprendo
su quer dondolo in giardino,
cojo l’attimo… è stupendo!
fate a nonno un sorisino! –

Ecco Amira che, sdraiata
posa stanca ed annoiata
co’ lo sguardo fissa er nonno:
– Voj scattà, che c’ho ‘n po’ sonno? –
Lei fa sempre la maestrina,
te corregge e te riprende,
ma da brava tedeschina
usa regole e nun s’arrende!

A sinistra c’è Martina,
nominata la “vispetta”
core subbito pe’ prima
pe’ sedesse e manco aspetta!
La sua indole d’artista
je fa fà mille disegni
co’ i colori te conquista
senza poi che gliel’ insegni.

Quella bionda è Carolina
occhi azzuri come er mare
è sorella de Martina
che la fa sempre arrabbiare!
Mo’ se dondola felice,
co’ l’orsetto addormentato
ride e penza… mo’ lo dice:
– Nonno vojo subbito er gelato! –

E lì accanto poi c’è Leyla,
i capelli folti e ricci
l’espressione quasi benevola…
quanno poi nun fa capricci!
Sembra quasi disegnata
dalla mano d’un pittore,
co’ quell’aria trasognata
la boccuccia come ‘n core.

Click!

Mo’ che nonno ha immortalato
quattro stelle in uno scatto
e che er tempo s’è fermato
su quer dondolo distratto,
voi c’avrete un bel ricordo
de giornate sbarazzine
quanno in meno d’uno sguardo…
fiorirete signorine!

(Mary)