Tenerezza…

 

Tenerezza. E’ il sentimento che m’ispira questa foto.

Lei è sempre stata presente ai compleanni delle pro-nipoti. Lei, la bisnonna, mia madre, la quarta generazione se si torna indietro nel tempo.

Ed il tempo tradisce.

Tradisce il corpo che piano piano si consuma, tradisce la mente perchè i ricordi diventano sempre più opachi, tradisce le parole che spesso non si trovano o si dimenticano.

Ma non tradisce i sentimenti il tempo, avari in gioventù di tenerezza…

“La parola MADRE è nascosta nel cuore

e sale alle labbra nei momenti di dolore e di felicità,

come il profumo sale dal cuore della rosa

e si mescola all’aria chiara”.

(K. Gibram)

 

 

 

7 pensieri riguardo “Tenerezza…

  1. Belle parole, bella immagine, bella la tua mamma, bella la nipotina, bella la torta. Insomma siete una splendida famiglia. Spero che abbiate trascorso un buon Ferragosto. Un abbraccio

    "Mi piace"

  2. Giano, ma che bella sorpresa mi hai fatto! Dopo tanto tempo ti ritrovo quì a commentare. Il ferragosto è passato in tranquillità, merce rara in questi ultimi anni… Tu stai bene?
    Io ti leggo, sempre, spesso non condivido e non commento, ma ti leggo caro Gianino…

    "Mi piace"

  3. Questa foto è davvero stupenda! Le donne della tua famiglia,te compresa sono veramente belle. E gli occhi azzurri vedo che sono un marchio di famiglia! 🙂 Complimenti !

    Non potevi scegliere versi più dolci per la tua mamma.

    Anche se il tempo passa e tradisce il corpo e la mente…l’importante è averla ancora a fianco .

    Posso mandare un bacio a tutte e tre ,anzi a tutte e quattro??? 😉

    "Mi piace"

  4. Fai bene, Mary, a dedicare un post alla tenerezza che suscita la presenza della tua mamma, che ancora puoi godere, pure con la sua lentezza dei riflessi che la fa sempre più degna di attenzioni..

    Io purtroppo l’ho persa tanto tempo fa, e ho fatto appena appena in tempo, credo, a capire il suo grande amore per me.

    Per fortuna già scrivevo qualcosa in versi è così ebbi la possibilità di farle leggere quanto segue, che in senso generale vale per tutti: restiamo sempre, anche se le mamme raggiungono i cento anni, i figli da proteggere sempre.

    A MIA MADRE

    Oh, quanto saggia sei, madre adorata,
    e quanto e quale amore tu mi porti,
    tu con un “caro”, un bacio, una guardata
    mi curi, benedici e mi conforti.

    Per il mio bene lotti e ti affanni,
    tutto mi dài senza chieder nulla,
    chè son sempre per te dopo tanti anni
    sempre ” ‘u nicu” (1) che sta ancora nella culla.

    Ma il tempo, ahimè, nessuno può fermare,
    e già io parto per andar soldato:
    Come vorrei, mamma, ritornare

    sulle tue gambe bimbo addormentato
    e questi anni rivivere . . . e gustare
    l’amore tuo, grande e sconfinato

    . . . di cui solo la punta ho captato!

    (Cassandro)

    (1) Il figlio piccoletto

    Per fare perdonare della mia prolungata assenza ho postato un breve commento al tuo post sottostante sulla vacuità e falsità dei comizi. Buona serata.

    "Mi piace"

  5. @ Vitty

    Grazie carissima per i complimenti. In questa foto manca una generazione… cioè io… C’è mia madre, mia figlia Roby e la sua piccolina, Carolina, che a maggio ha compiuto tre anni. Per questa foto, scattata da me, ho provato una tenerezza infinita e l’ho voluta postare in ricordo di quella bella giornata.

    E’ vero, sono fortunata ad avere ancora mia madre pur se con tanti acciacchi e tante preoccupazioni per me che vivo abbastanza lontana da lei. Quasi tutte le mie amiche (proprio lo scorso mese la mia ex compagna di banco del liceo ha perso sua madre) non hanno questa fortuna… purtroppo…

    "Mi piace"

  6. @ Cassandro

    Grazie caro amico per queste tenere rime dedicate alla tua mamma e penso alla felicità nell’ascoltarle dalla bocca del suo “bambino”. Già, perchè anche quando si diventa grandi, genitori e nonni… per loro rimaniamo sempre “bambini addormentati”.

    Anch’io, con il tempo, ho capito tante cose di mia madre… oggi con la maturità degli anni provo tenerezza nei suoi confronti, tanta tenerezza e capisco che:

    “Ma il tempo, ahimè, nessuno può fermare…”

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...