Come eravamo…

untitled

(Liceo classico Augusto – IV ginnasio – mitica Sez. E)

 

  

Se me volto e guardo indietro…

ve rivedo a tutti quanti,

tanti anni so passati,

mamma mia quanto so tanti!

Ma a guardavve, mica male,

v’arivedo quasi uguale.

Sì, va bè, quarche rughetta,

quarched’uno la panzetta,

quarche acciacco nella schiena,

coi dolori da fa pena…

Fili bianchi nei capelli,

quarcheduno manco più quelli!

 

Se me volto e guardo indietro…

v’arivedo fra quei banchi,

regazzini spensierati,

co la voja d’annà avanti.

M’aricordo come ieri

le versioni de latino,

greco antico e l’altri impicci

ce toccava co’ la Ricci.

E la Tazzi? E Don Palletta?

Nun se scordano così in fretta.

 

Se me volto e guardo indietro

v’arivedo ancora quì,

proprio grazie a ‘sto PC!

Sì, vabbè,  un po’ cresciuti,

chi le gioie e chi i dolori,

chi le crisi e chi l’affanni,

so’ passati puro l’anni,

ma quasi tutti eccove quà,

come allora a cazzeggià.

 

Nun me volto e guardo avanti,

vojo ancora festeggiare

quarant’anni de ricordi

rincontrandose in un bare.

E’ lo spirito che conta,

quello tosto e ancor sereno,

se s’ammoscia pure quello

te saluto e manco ceno!

Nonostante tutti i segni

c’ha lasciato er nostro tempo,

se faremo du’ risate

ricordando un bel momento…

 

Un tuffo nel passato, la gioia di ritrovarsi e raccontarci le nostre vite. Chi ha lasciato, chi ha continuato, chi è partito, chi non ha perduto la voglia di essere quei ragazzi che siamo stati…