Giorni di ordinaria follia…

Finalmente un pomeriggio tranquillo! Il tecnico elettricista, dopo una ricerca spasmodica  di centraline e scatole del telefono che, dopo venti anni di questa casa non sapevo ancora dove fossero allocate, ha sistemato il guasto. Cosa era accaduto? Boh!!! Non l’abbiamo capito, ma ora tutto è tornato alla normalità.

Pomeriggio tranquillo, dicevamo, per poco… Le terribili “unne” (Ariela aveva gli unni e non so quale dei due sessi sia il migliore…) sono a passeggio con le mamme. Amira, in considerazione del fatto che la cuginetta Martina la vede poco,  durante questi giorni di permanenza a casa dei nonni la vuole in continuazione: colazione, pranzo, cena, pomeriggio a giocare. Ma una volta i bambini giocavano, o ho dimenticato qualcosa?

Le “due terribilissime” si cercano, ma non fanno altro che litigare per bambole e bambolotti (nonostante casa di nonna sia sommersa di giochi, giochetti, bambole, costruzioni, libri, libretti ecc. ecc.), urlare nonna è mia! nooo è mia!  spintonarsi e, salvo qualche rara eccezione, baciarsi, abbracciarsi e ballare insieme (che tenere, quando lo fanno…), con conseguente irritazione e stress per le mamme, cioè le mie figlie. Poverette, penso fra me e me, ma non lo dico a voce alta. Chissà cosa accadrà con l’imminente nascita delle due sorelline?

E poi mi chiedo, e questa volta non lo penso fra me e me, ma lo dico a voce altissima: cosa accadrà con la nascita di altre due nipotine?

– Mamma, ma tu sei SupernonnaMary! – dicono in coro le mie figlie.

– Sì, ma non Superman mie care! –

– Ma lo sai che ci sono nonne che se ne fregano, nonne che elemosinano la compagnia dei nipotini a genitori gelosi,  nonne… –

Sì, e poi ci sono io, nonna devota che costruisce in soggiorno altarini di fotografie e cimeli dedicati al culto delle nipoti, nonna che spesso vorrebbe avere il dono dell’ubiquità per essere contemporaneamente quì e in Lettonia e chissà in quale altro posto dopo la prossima estate…

Ma forse sarà l’età, forse sarà il “troppo” (sappiamo bene che quando si dà un dito poi si pretende anche un braccio), la sera crollo stanca morta e penso che vorrei avere indietro quella spensieratezza di un tempo, quei bei momenti e quelle emozioni che non tornano, non tornano…

Dovrò meditare un piano… nell’attesa dell’imminente prima nascita che, spero, sarà a giorni…

Volevo parlarvi del tradimento di Fini, del federalismo fiscale, delle nuove riforme, della nuova casa di Scajola, ma… pensate che mi avanzi del tempo???

Nel frattempo, guardate i due diavoletti mascherati da angeli…

 

DSCN2555

8 pensieri riguardo “Giorni di ordinaria follia…

  1. Che bello il tuo quadretto familiare Mary!! Le “tremendissime” daranno pure tanto da fare,ma sono bellissime!!! Credo sia impossibile non “perdonarle”,al solo guardarle viene la voglia di riempirle di baci.

    A che punto siete con la nascita della prossima nipotina? Il tempo dovrebbe essere quasi scaduto. Incrocio le dita e vi faccio una marea di auguri.

    Ciao supernonnaMary,un saluto a te,alle “tremendissime”,alle tue figlie alle nasciture. E un saluto anche al nonno! CIAO!!!!

    "Mi piace"

  2. @Vitty, le “terribili unne” sono supereccitate! Forse anche loro sentono che nell’aria c’è qualcosa di nuovo che sta per arrivare… Ancora niente però, piccoli falsi allarmi, ma… aspettiamo in trepida attesa.

    "Mi piace"

  3. @Polpolik, lo “speriamo che sia femmina” di un po’ di tempo fa, ha funzionato e funziona ancora. I “poveri uomini” (dai quali dipende il sesso del nascituro) ormai sono allo stremo, ma felici. Il nonno è rassegnato.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...