Io non mi sento italiano

Questa mattina mi veniva in mente una canzone di Gaber. Diceva: "Io non mi sento italiano".

Suppongo che questo sia lo stato d’animo di una buona parte della popolazione di questo strano paese.

Per chi, come la sottoscritta, ha vissuto e si è formata negli ormai lontani anni ’70, un periodo nel quale molti credevano che un "mondo migliore" fosse possibile, non è facile sentirsi parte di una comunità che, ancora una volta, premia la rappresentanza di una democrazia "condivisa", nel senso di condivisione e continuazione dei propri porci comodi. La normalità, purtroppo.

Non è facile pensare che esistano leggi che pongono certi personaggi al di sopra di ogni legge.

Non è facile credere che simili leggi siano state firmate dal un Presidente della Repubblica.

Non è facile credere che un paese nato dalla Resisistenza dei nostri padri sia oggi ridotto così.

Non è semplice, anzi faticosissimo, soprattutto per chi ha la responsabilità di educare dei figli, accendere la tv e cercare qualche trasmissione che non riduca la realtà a veline e tronisti.

Non è facile riuscire a credere ai propri occhi, guardando l’Italia del 2009.

E le ultime elezioni non hanno fatto altro che confermare la predisposizione atavica del popolo italiano a delegare all’uomo forte e potente la miracolosa soluzione dei problemi.

Quando un giorno si deciderà, se mai si deciderà, di ricostruire davvero questo paese così disastrato, spero si riparta da persone che si sentono diverse da questa melma imperante.

Da persone vere, quelle che, prima dell’Europa, come dice Gaber, avrebbero voluto fare l’Italia.

Quelle che dovrebbero riuscire a stare fuori dal "sistema".

Quelle che… ma dove sono?

 

 

 

 

13 pensieri riguardo “Io non mi sento italiano

  1. Cara Mary, quelli che volevano un mondo migliore…dove sono finiti? Non erano quelli che volevano cambiare il mondo e che si battevano per far fuori la vecchia classe politica? Certo. E dove sono finiti?
    Da allora sono passati circa 30 o 40 anni. Quelli che allora volevano un mondo migliore avevano circa 20 anni, oggi ne hanno dai 50 ai sessanta e oltre. E dove sono finiti? Te lo dico io. Hanno preso esattamente i posti dei “vecchi” di allora, si sono sistemati sulle loro poltrone e se le tengono strette. Li trovi nei consigli comunali, provinciali, regionali, negli enti pubblici, in Parlamento, tutti sistemati. Ecco dove sono finiti. E quelli che non hanno scelto la politica hanno fatto carriera in altri settori, dalla stampa al cinema, alle cattedre universitarie. E sono quelli che hanno dimenticato di cambiare il mondo perché hanno scoperto che gli va molto bene così com’è.
    Fare un elenco di questi rivoluzionari pentiti e convertiti alla causa borghese sarebbe troppo lungo. Eppure oggi si presentano tutti come rispettabili esponenti della politica , della cultura, della stampa, della TV.
    Ma tu lo sai che perfino quella personcina amabile e mite del sondaggista Mannheimer era un attivista di “Prima linea”, gruppo dell’estrema sinistra rivoluzionaria, e che insieme a lui militava anche quell’altra personcina amabile e mite dell’ex ministra Pollastrini, che era sua moglie?
    Stranamente sono tutti “pentiti”. hanno fatto carriera, hanno scoperto che anche il capitalismo non è male, hanno scoperto che è meglio essere ricchi che poveri, hanno scoperto un sacco di cose buone del capitalismo.
    Come Gad Lerner, militante di Lotta continua, che scriveva e sparava a zero contro il capitalismo ed i padroni borghesi che sfruttano il proletariato. Beh, oggi è un miliardario. E tanto per non farsi mancare niente, ha acquistato una ricca tenuta nel Monferrato e, oltre che il conduttore TV, fa il produttore di ottimi vini, come un classico ricco borghese di quelli che lui odiava tanto. E non manca di farlo sapere al “popolo” nel suo blog. Questi sono quelli che volevano un mondo migliore. Figurati gli altri!!!
    Coraggio…

    "Mi piace"

  2. I semini e il succo del cocomero sono stati accuratamente tolti prima da gruppi di “Volontari dell’Anguria” una org senza fini di lucro il cui solo scopo è mangiare cocomeri gratis.E’ vero tutti gli MRS “magnifici rivoluzionari sessantottini” e anche gli altri, venuti dopo, si sono “riciclati” coerentemente con le raccomandazioni dei gruppi ambientalisti (le tre R: Ricicla,Ripara,Riusa) e dei verdi, che ormai sono arancioni tendenti al “beige”.”L’Omo de’ sostanza, prima penza pe’ la panza”(mia originale).

    "Mi piace"

  3. Buongiorno, cara Mary! Come stai? Si dice che il tempo e’ sempre lo stesso, e tutti vogliano il tempo migliore, ma in fatto quando torni indietro, capisci che prima era meglio….
    Grazie del tuo saluto e commento! Tu vai a Copenhagen? Copenhagen e’ una citta’ molto bella, citta di Andersen. Ma credimi, Riga e’ anche bella, particolamente il centro storico. Non preoccuparti per la tua figlia! Tutto sara’ molto bene e forse un giorno tu possa venire anche per trovarmi in Estonia che e’ tanto vicino…
    Buona giornata a te e ti salutooo! Tamara

    "Mi piace"

  4. concordo in tutto e per tutto in quello che ha scritto Giano…qualcuno il mondo migliore lo ha avuto,gli altri (ovvero i più) sono rimasti con un pugno di mosche al naso!
    Ciao carissima:)

    "Mi piace"

  5. Cari amici, ho finito di preparare la valigia.
    Sono in partenza, sicuramente per l’ultima volta a Copenaghen. Mia figlia dice che lì fa freddo, nonostante l’estate. Vado perchè ha bisogno di mamma e papà.
    Spero, nonostante la bassa temperatura, di scaldare un pochino il suo cuore. I cambiamenti improvvisi possono essere anche difficili da affrontare, specie con una bimba piccola che ancora non ha capito se deve parlare italiano, tedesco o danese…
    Grazie per i commenti che condivido in pieno, soprattutto per quello dell’amico Giano che non fa una piega.
    Si dice che la speranza è l’ultima a morire. Ed io spero. Spero che dopo tanto buio ritorni un po’ di luce.

    "Mi piace"

  6. Non è facile accettare che un certo personaggio sia diventato inamovibile, nonostante qualsiasi cosa faccia. Più che sentirmi o meno italiana, mi sento impotente. E credimi non è questione di schieramenti, di destra o di sinistra. Questa persona (e i suoi scagnozzi, compresa l’inesistente opposizione) legittima tutto quello che io ho sempre schifato…ma che insegnamento è, e sarà se continua così, per le nuove generazioni? Secondo me si dovrebbe radere tutto al suolo e ripartire da zero. La nostra ormai mesta rassegnazione (se continuiamo a lasciarlo fare) non diventa quasi una forma di complicità??? Me lo chiedo. Baci cara Mary, a presto 🙂

    "Mi piace"

  7. Oggi Feltri ha pubblicato un articolo intitolato “Siamo tutti Berlusconi “. Forse lui ci si riconoscerà,e mi verrebbe spontaneo rispondergli ” Berlusconi sarà lei!” Io non mi sono mai permessa di definire “eroe” un mafioso,non ho mai corrotto giudici e mai sono stata con minorenni. Non ho mai raccontato barzellette sui malati di aids e lo sterminio degli ebrei. Non ho mai usato aerei di stato per festicciole private. Quello che manca a questi signori si chiama Etica.
    Ma forse non ne conoscono neppure il significato.

    Per fortuna buona parte degli Italiani la pensano come me,siamo stanchi di sopportare questo odore di marcio che esce dai palazzi del potere. Stanchi di lasciare il nostro destino nelle mani di un 73 enne convinto di essere irrestibile. Completamente falso,dalla testa ai piedi ( non che ci sia tanta distanza…) imbellettato come l’ultima delle cortigiane. Convinto di essere irresistibile,dando ogni giorno il peggio di se’circondandosi con giovani ragazze…a pagamento. Convinto di averle pure conquistate.

    Mentre l’Italia va tristemente alla deriva….

    Che rabbia e che tristezza Mary!! Fossi in te,resterei all’estero il più possibile…mica per altro,per non sentire questo odoraccio che piano piano ci ammorba tutti.

    Un bacio a te e alla nipotina! Ciao!

    "Mi piace"

  8. Buongiorno.

    Tu scrivi, Mary, e giustamente, **Non è facile pensare che esistano leggi che pongono certi personaggi al di sopra di ogni legge . . . Non è semplice, anzi faticosissimo, soprattutto per chi ha la responsabilità di educare dei figli, accendere la tv e cercare qualche trasmissione che non riduca la realtà a veline e tornisti**

    In controcanto ti risponde Vitty ** Siamo stanchi di lasciare il nostro destino nelle mani di un 73 enne convinto di essere irrestibile. Completamente falso,dalla testa ai piedi ( non che ci sia tanta distanza…) imbellettato come l*ultima delle cortigiane. Convinto di essere irresistibile,dando ogni giorno il peggio di se* circondandosi con giovani ragazze…a pagamento. Convinto di averle pure conquistate**.
    .
    E se fosse invece vero che l arealtà di oggi è appannaggio di **veline e tornisti**?

    E se fosse vero che gli italiani lo vogliono così per essere stati conquistati da quell*uomo che **dalla testa ai piedi (non che ci sia tanta distanza . . .** Buona questa!) è veramente **irresistibile** e quindi di conseguenza non può non essere circondato da **giovani ragazze a pagamento** (e anche da belle signore aggratis, penso)

    Ma scusate, non li vedete i film? . . . non li leggete i giornali? . . . non ci andate in giro, da mezzanotte alle quattro del mattino nei luoghi della c.d. **movida**? . . . non parlate con i giovani (o meglio gran parte di loro) a cominciare da quelli che frequentano la scuola media? . . . Il **prima di mò**, il **comunque sia, dovunque sia, con chi sia, purchè sia** , è la loro parola d*ordine, in un sistema in cui l*ordine non è più quello di cui si conserva memoria!

    Io le ho ascoltate le considerazioni (fantasiosamente, ovvio, dato che non frequento minorenni, non avendo ancora quella età cui accenna Vitty) di quella ragazzina, vera vittima del sistema, la quale ha dato origine a questo solleticanpoliticeroticgossip . . . e mica ragionava tanto male per i tempi che corrono (ma quando si fermeranno?),. pure se un tantinello incavolata. Basta aspettare un poco e prima o dopo **con i potenti mezzi messi a disposizione da . . . . . .**.

    RIFLESSIONI POSTUME

    **Ci mancava pure quella . . . *. . . Ddario?*
    a farmi concorrenza? E non bastava
    la moglie e tutto l*altro circondario
    di veline coscielunghe? . . . E brava,

    io traccio il sentiero e lei avanza
    con i registratori in borsetta,
    . . . e forse qualcos*altro, se baldanza
    ancora esiste in quello! A me non spetta

    di dire sì o no, io non lo so
    (diciamo) e neppure mi interessa . . .
    mi basta di capir che più non ho
    speranza di carriera, e che messa

    è stata a mollo la nomina mia
    a deputata . . . E mica sta bene
    fare tutte noi? . . . *Una pazzia!*
    . . . pensano gli stronzi . . . *Assemblee piene

    di belle presenze e no sostanza
    cerebrale o grigia, e guai il mondo
    per una maschilista triste usanza
    avrebbe, e sempre più si andrebbe a fondo*.

    Ma chi se ne fregava! . . . A me bastava
    essere riverita ed onorata,
    chè poi . . . un buco, eh sì, prima ci stava
    e un buco rimaneva. . . . che cambiava?

    Però la . . . **P-u-b-b-l-i-c-a O-p-i-n-i-o-n-e** . . .
    la Chiesa . . . le bigotte invidiose . . .
    hanno gridato * Oh, nooooo!*, e l*occasione
    sfiorì, ahimè! . . . Ah, che cose schifose!

    E* stata una congiura, un complotto
    . . . ed io ho perso così il mio Enalotto!

    Ma la inghiottirò la fregatura!**
    — la ragazzina aggiunse — **Anche s*è dura,

    questa qui, certo! . . . Or ne ho coscienza
    di che vuole dir mancare di esperienza,

    e tutti ritener buoni e sinceri,
    o che le lor promesse non sono zeri.

    Il muso ci ho sbattuto, e va buo*!
    O prima o dopo io mi rifarò.

    Fu costruita in una sola botta
    la grande Roma? . . . E no! . . . Sotto a chi tocca,

    chè gli uomini, si sa, son sempre quelli . . .
    sempre . . . a qualunque età . . . fessacchiottelli!

    Giovane sono, ho volto d*angioletto,
    ho tempo di aspettare, e quindi . . . aspetto!

    Mica son come quelle carampane
    che non mangiano e non fan mangiar pane:

    * Ti tin , ti tin, ti tì . . . ciò non è bello!
    ti tin, ti tì . . . è qui tutto un bordello!

    Più non si può procedere così!
    . . . Più serietà ci vuol, ti tin, ti tì *

    Se non ci stava all*epoca chi . . . thò! . . .
    tutto poteva . . . che colpa ne ho?

    Cacchio, però: ragiono proprio bene!
    Se or taccio qualche cosa me ne viene . . .

    Beh, uscirò in silenzio dalle scene!
    Penso che in fin dei conti mi conviene,

    pur se passar dovrò a fine congiura
    io per il buco della serratura:

    son sempre i buchi la via più sicura

    dal tempo d* Eva a . . . Diva Futura!**

    (Cassandro)

    E non restarci tanto all’estero, Mary. Qui la vita è varia, la fantasia galoppa sempre e a tutto prima o poi si trova una soluzione.

    Fin che c’è vita c’è speranza! Ad altri il fare ed a noi il lottare. Ma quando si vince, ah che soddisfazione!

    Quando si vince . . . . . . . .

    Buon pranzo!

    "Mi piace"

  9. * Caro Cassandro, buonasera. Purtroppo la triste realtà è proprio quella che ci propinano tutti i giorni. Facile successo, facili vincite, un mondo che di reale non ha assolutamente niente.
    E come non li sento questi ragazzi? Tu parli di scuole medie, e come la mettiamo con le elementari? L’ordine? E l’etica? I valori? La ragazzina, appena maggiorenne, “vittima del sistema”, ha come esempio, probabilmente, una madre che sperava (non so se poi ci sia riuscita… forse sì…) un mondo pieno di luci e di successo. Come se il successo fosse l’apparire in una di queste trasmissioni che noi italiani ci meritiamo!
    Che tristezza…
    “Beh, uscirò in silenzio dalle scene”…
    Io, invece, credo che la ritroveremo da qualche parte, magari con un altro nome…magari con un altro buco…
    Hai ragione, quì da noi è più divertente. Non ci si annoia davvero!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...