Il “mio secondo mondo”


Ritorno dopo una settimana bianca, anzi “bianchissima”… è nevicato per sei giorni consecutivi. Riposo e spensieratezza.
Negli occhi il paesaggio magico di montagne e colline innevate.
E il silenzio, un silenzio ovattato, che porto ancora dentro di me.
Ogni tanto serve staccare la spina per assaporare una vita diversa.
Ma non ho potuto fare a meno di rituffarmi in questo “mio secondo mondo”, il blog, come l’ha definito la mia Zampamica.
Ha deciso di andarsene, forse per un po’, almeno spero, da questa realtà virtuale.
Mi dispiace moltissimo per questa sua pausa. Voglio dirle che “i pugni in faccia” spesso ci fanno riflettere, ma non sulle nostre “differenze”, differenze di religione, di cultura, di opinioni, di modi d’essere, bensì sull’atteggiamento da tenere nei confronti di persone estranee e lontane anni luce da sentimenti alquanto rari ai nostri giorni: la sensibilità e l’intelligenza.
Spero che Zampa torni, tramite questo “piacevole mezzo, ad arricchirsi”, ma soprattutto ad arricchirci con i suoi “servizi” dal medioriente e… non solo.
Grazie Zampamica e…a presto.

Un’emozionante e piacevole sorpresa, invece, nel blog salottiero dell’amica Vitty. “Leggendoci”, con il passar del tempo, riusciamo quasi a vederci, a conoscerci più a fondo… E non posso fare a meno di ringraziare alla mia maniera…

So’ commossa, emozzionata,
pe’ li versi de’ Cassandro,
dedicati ad un’amica
che festeggia er compleanno.

Mai nessuno in tanti anni
ha composto dolci rime
nè parenti o dongiovanni,
solo fiori e bianche trine.

Puro Vitty, co’ sorpresa
me regala ‘na poesia
me la leggo tutta presa…
te ringrazio amica mia.

Ner salotto de’ l’amici
ce ritorno volentieri
questo è er blog de’ li poeti
quelli veri e più sinceri!!