Lettera aperta al Mago

Ieri mattina, leggendo il post del mio amico Mago, ho scoperto che veramente è un prestigiatore ed un artista di mestiere, oltre che essere una persona sensibilissima ai vari problemi che assillano l’umanità.
Ed allora, vista questa sua propensione per il prossimo, mi è venuta una voglia pazzesca di chiedergli di farmi sparire, con le sue arti magiche, per un po’ di tempo da questa vita sempre meno stimolante.
Pienamente cosciente delle grandi catastrofi che sta subendo il mondo intero, guerre, fame, terrorismo, odio, paura, non riesco ad essere però spettatrice impassibile su quello che sarà il “mio domani”, il domani di una donna ancora giovane e con tanti buoni propositi in questo particolare momento alquanto vacillanti.
Vedo i miei sogni svanire ad uno ad uno, non faccio altro che macerarmi negli errori commessi, ho voluto riunire una famiglia che viveva metà in una piccola provincia e metà in una grande città, volevo una famiglia normale, tutti insieme ad assaporare gioie e dolori, volevo ricostruire un rapporto forse mai esistito con i miei genitori, volevo ritrovarmi e ricordarmi ragazza nel quartiere della mia città, volevo la confusione, il caos, le luci, il via vai continuo della gente bella, brutta, anonima, dopo undici anni – sembra quasi assurdo – di silenzio e solitudine nella campagna.
E invece…
Mia figlia, la più grande, trasferitasi in città per studiare, ha preferito continuare a vivere dalla nonna; tra lo studio ed un lavoro saltuario, tra un amore e l’altro, vive la sua vita autonomamente, tra alti e bassi e la sua mamma esiste quando occorre tirarla su da questi “bassi”.
La seconda, dopo tre anni, non riesce ancora a trovare una sua dimensione nella nuova scuola, nella città, nella nuova casa, certo piccola rispetto ai grandi spazi a cui era abituata e mi rimprovera in continuazione di averla sradicata dal piccolo centro dove si sentiva più protetta.
Mio padre è morto, due anni fa e quel rapporto che cercavo con lui forse ha cominciato a nascere in quell’unico, terribile mese di ospedale.
La mia città dovrò lasciarla, perchè a breve dovrò lasciare anche questa casa nel mio quartiere, per ritornare nel silenzio e nelle strade deserte e desolate di provincia.
Ed il lavoro, ritrovato a fatica due anni fa? perchè o sei troppo giovane per la pensione o troppo vecchia per un’altra occupazione, dovrò lasciare anche questo, perchè troppo lontano?
Non lo so, non so più niente.
Quindi, caro Mago, ti prego: fammi sparire per un po’ in modo che da sola, in un posto lontano, possa ritrovare sicurezza e fiducia e, soprattutto, voglia di decidere ancora.

6 pensieri riguardo “Lettera aperta al Mago

  1. Se esiste un posto in cui si riesce a trovare sicurezza e fiducia fammelo sapere,a me come a tanti altri farebbe piacere andarci.Ma come faccio a capire se ho ritrovato sicurezza e fiducia senza rapportarmi agli altri?Forse è proprio nel rapportarmi agli altri che trovo sicurezzae fiducia in me stesso…O forse è il gatto che si morde la coda…

    "Mi piace"

  2. Vabbe’, ma se ti fa scomparire che prima ci racconti il trucco perche se per caso non ti trovasse piu’ ti ritroveremmo noi. Cara Mary, e’ senz’altro un momento difficile ma se tua figlia si ricorda di te quando c’e la bassa marea, ringraziala, non tutti i figli lo fanno, anzi, ce ne sono che quando va maluccio, o per imbarazzo o per egoismo, scompaiono. La piccola ha problemi di addattamento? Ne sei sicura o usa quest’argomento per il suo “anti” giovanile? Non prenderti la responsabilita’ del suo addattamento, sta a lei confrontarsi con certe situazioni (non mi sembra sia molto piccola, vero?). Per il lavoro spero che tutto si arrangi. Vorrei far qualcosa per te , ma non posso. Ti abbraccio.

    "Mi piace"

  3. hey Mary, quel mese intenso con tuo padre rimarra’ una delle tue piu’ belle esperienze della tua vita. Che e’ ancora lunga, lunghissima. I tuoi sogni stanno svanendo a uno a uno? C’e’ sempre tempo per sognare, riincomincia ora!
    Un abbraccio da Cambridge.

    "Mi piace"

  4. addirittura una lettera aperta!!!
    Bhè in effetti anch’io devo confessarti che qualche volta avrei il desiderio di sparire o addirittura di far sparire qualquno….ma poi mi guardo intorno e, anche se con mille problemi e pensieri ancor più brutti, mi ritrovo a sorridere, a questa vita che se la prendi in giro tu per primo, evita di farti colassare nel più nero degli oblii: l’indifferenza!
    Ciao ed un bacio.
    P.S. il trucco c’è ma non si vede!!!!!!!

    "Mi piace"

  5. non rimproverarti.
    Il senso innato della famiglia è una cosa che uno ha o non ha.
    Hai fatto del tuo meglio per creare una delle cose più belle del mondo, una famiglia unita… vedrai, quello che hai fatto rimane nel cuore delle persone che hai voluto riunire come il segno di un grande amore.
    A parte ti mando uno scritto che mi hanno dato ieri e che mi piace molto..
    aspetto tue impressioni.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...