Cento, mille… Quanti siamo?

Siamo diventati tantissimi. Cento, mille? Non lo so, ma questo fenomeno del Blog sta dilagando in maniera straordinaria.
Nascono simpatie, amicizie virtuali, sondaggi, idee buffe, altre brillanti e con il passare dei giorni altri nomi o soprannomi si aggiungono alla lista dei narratori, dei poeti, dei polemici, dei viaggiatori, dei tanti che, comunque, anche solo descrivendo la loro giornata, hanno qualcosa da dire.
E’ buffo, ma a volte, anche la sera mi ritrovo davanti a questa macchina, per visitare qualcuno di voi.
Toc, toc… e la porta improvvisamente si apre, ed io sono lì a fare visita a qualche amico che mi saluta, che mi lascia un bacio, che commenta e condivide con me pensieri, sensazioni o che, a volte, mi augura soltanto una buona giornata.
E’ come lasciare un pezzetto di te al mondo e viceversa.
Ultimamente leggo spesso però dei post che parlano con molto scetticismo di queste amicizie virtuali che via, via si vanno instaurando fra i vari bloggers. Con scetticismo, dicevo, perchè in molti si interrogano sulla veridicità delle stesse.
Dipende da quello che uno si aspetta, ma non credo alla non autenticità del parlare di sè e dell’esprimere i propri sentimenti.
A chi giova nascondersi dietro un nome o ad un falso pensiero?
Quindi l’importante non è tanto creare delle nuove amicizie, ma trasmettere emozioni e sensazioni a qualcuno a cui piace ascoltarci, ma soprattutto “leggerci”!
Dopo queste premesse, vi racconterò del mio prossimo viaggio (partirò venerdì).
Io amo viaggiare, conoscere, scoprire, imparare, visitare luoghi sconosciuti, confrontarmi con civiltà e culture diverse dalla mia. Viaggiare, secondo me, è un’esperienza indimenticabile, che coinvolge il corpo e lo spirito. E apre la mente.
Visiterò la città dove i desideri diventano realtà. Si dice che la prima notte trascorsa a Praga sia magica perchè ciò che si sogna si avvererà entro un anno e tre giorni.
Staremo a vedere! nel frattempo comincio a preparare le valigie.